Boston University Medical Center – Ulteriori trattamenti per le malattie polmonari

Boston) Un gruppo di ricercatori della University’s Center di Boston per la medicina rigenerativa e il Centro di Pneumologia hanno generato 100 nuove linee di cellule staminali umane pluripotenti indotte (IPSC) provenienti da individui con malattie polmonari, tra cui la fibrosi cistica e l’enfisema. Le nuove linee di cellule staminali potrebbero portare a nuovi trattamenti per queste malattie debilitanti. I risultati, apparsi in questo studio sulle cellule staminali appartengono ad una prima fase di studio condotta in laboratorio relativi a  queste specifiche patologie come la Fibrosi Cistica e l’enfisema polmonare

iPSCs sono derivati dalla riprogrammazione delle cellule adulte ad uno stato primitivo di cellule staminali. Questo processo determina la creazione di cellule che sono simili alle cellule staminali embrionali in termini di capacità nel differenziarsi in diversi tipi di cellule, comprese le cellule endoderma che possono dare origine a tessuti del fegato e del polmone.

“IPSCs può risolvere molti ostacoli principali che attualmente incidono sulla ricerca su cellule staminali”, ha detto Darrell Kotton, autore principale dello studio e professore associato di medicina e patologia e medicina di laboratorio alla Boston University School of Medicine (BUSM). iPSCs non necessitano di embrioni e il processo utilizzato per coltivare iPSCs è più facile rispetto alle tecniche generalmente utilizzate per ottenere cellule staminali embrionali. iPSCs sono geneticamente identiche alle cellule del paziente e, potenzialmente, possono essere trapiantate <b>senza rigetto<b/>.

“In laboratorio, queste cellule presentano la capacità di moltiplicarsi all’infinito in modo che i ricercatori possano avere più tempo per studiare la cellula malata e correggere i suoi geni”, ha detto Kotton.

Lo studio ha coinvolto pazienti con differenti forme di malattia polmonare – <b>fibrosi cistica<b/>, deficit riscontrato dall’alfa-1 antitripsina , sclerodermia (SSc) e anemia falciforme. I pazienti sono stati sottoposti a biopsie della pelle e campioni di tessuti donati, che il gruppo di ricerca ha utilizzato per coltivare cellule staminali adulte. Utilizzando un vettore, la Boston University ha brevettato nella forma di un virus, chiamato Stem Cell Cassette (STEMCCA), i ricercatori sono riusciti a riprogrammare le cellule della pelle in cellule primitive staminali pluripotenti conosciute come iPSCs.

“Il vettore STEMCCA si sta rivelando prezioso per la riprogrammazione delle cellule provenienti da una varietà di specie, e questo è il primo rapporto della versione ‘umanizzata’ del nostro vettore per l’uso in riprogrammazione delle cellule umane”, ha detto Gustavo Mostoslavsky, un co-autore dello studio e assistente professore di medicina presso BUSM. Insieme Kotton Mostoslavsky e co-diretto la Boston University nuovo Centro di Medicina Rigenerativa (CREM).

Per testare la potenza di differenziazione dei iPSCs, la squadra ha dimostrato che le cellule staminali si moltiplicano e possono essere differenziate in tessuto endoderma, (cellule precursori naturale del polmone quale principale organo distrutto dalla fibrosi cistica e dall’enfisema pomonare.

“Speriamo di costruire una banca di cellule staminali che potrebbero essere utilizzati per contribuire a trattare le due forme più comuni di malattia polmonare ereditaria, la fibrosi cistica ed il deficit da alfa-1 antitripsina “, ha detto Kotton.

Il prossimo passo, sarà quello di correggere le mutazioni genetiche responsabili di fibrosi cistica, enfisema e altre malattie polmonari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *