Vaccino influenza: raccomandazioni per la prevenzione e il controllo dell’influenza per la stagione 2008-2009

Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ha predisposto la circolare con le raccomandazioni sulla prevenzione e il controllo dell’influenza per la stagione 2008- 2009.

In particolare la Circolare ricorda le recenti misure di igiene e protezione individuale, non farmaceutiche,  indicate dall’ ECDC per ridurre la trasmissione del virus:

  • Lavaggio delle mani (in assenza di acqua, uso di gel alcolici)
  • Buona igiene respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, trattare i fazzoletti e lavarsi le mani)
  • Isolamento volontario a casa di delle persone con malattie respiratorie febbrili specie in fase iniziale
  • Uso di mascherine da parte delle persone con sintomatologie influenzali, quando si trovano in ambienti sanitari (ospedali)

Riguardo alla vaccinazione, invece, mezzo efficace e sicuro per prevenire l’influenza e le sue complicanze, la circolare oltre ad aggiornare la composizione dei vaccini antinfluenzali sottolinea un efficacia in media nell’80% dei casi. Negli anziani che vivono in comunità, l’efficacia stimata della vaccinazione nel ridurre la mortalità legata all’influenza è pari in media al 50%.

Il vaccino antinfluenzale è indicato per la protezione di tutti i soggetti che non abbiano specifiche controindicazioni alla sua somministrazione. Il periodo destinato alla conduzione delle campagne di vaccinazione antinfluenzale è, per la nostra situazione climatica e per l’andamento temporale mostrato dalle epidemie influenzali in Italia, quello autunnale, a partire dalla metà di ottobre fino a fine dicembre.

In accordo con gli obiettivi specifici indicati dalla pianificazione sanitaria nazionale la Circolare indica i gruppi di popolazione per cui l’offerta attiva e gratuita di vaccinazione è prioritaria da parte dei servizi territoriali di prevenzione, direttamente o attraverso servizi collegati (medici di famiglia, ospedali, datori di lavoro):

  1. Soggetti di età pari o superiore a 65 anni;
  2. Bambini di età superiore ai 6 mesi, ragazzi e adulti affetti da:
    • malattie croniche a carico dell’apparato respiratorio
    • malattie dell’apparato cardio-circolatorio, comprese le cardiopatie congenite e acquisite
    • diabete mellito e altre malattie metaboliche d) malattie renali con insufficienza renale
    • malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie
    • tumori
    • malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV
    • malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinali
    • patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici
    • patologie associate ad un aumentato rischio di aspirazione delle secrezioni respiratorie (ad es. malattie neuromuscolari)
  3. Bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale
  4. Donne che all’inizio della stagione epidemica si trovino nel secondo e terzo trimestre di gravidanza
  5. Individui di qualunque età ricoverati presso strutture per lungodegenti
  6. Medici e personale sanitario di assistenza
  7. Familiari e contatti di soggetti ad alto rischio
  8. Per quanto riguarda i soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo e categorie di lavoratori la vaccinazione sarà offerta gratuitamente alle forze di polizia e ai vigili del fuoco, considerato il ruolo essenziale svolto nell’ambito della sicurezza ed emergenza. Per le altre categorie socialmente utili è facoltà delle Regioni/PP.AA. definire i principi e le modalità dell’offerta. E’ pratica internazionalmente diffusa l’offerta attiva e gratuita della vaccinazione antinfluenzale da parte dei datori di lavoro ai lavoratori particolarmente esposti per attività svolta e al fine di contenere ricadute negative sulla produttività.
  9. Personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani. Per tale ragione, la vaccinazione antinfluenzale è raccomandata a:
    – allevatori
    – addetti all’attività di allevamento
    – addetti al trasporto di animali vivi
    – macellatori e vaccinatori
    – veterinari pubblici e libero-professionisti.

La Circolare raccomanda inoltre che il vaccino antinfluenzale non deve essere somministrato a:

  1. Lattanti al di sotto dei sei mesi (per mancanza di studi clinici controllati che dimostrino l’innocuità del vaccino in tali fasce d’età).
  2. Soggetti che abbiano manifestato reazioni di tipo anafilattico ad una precedente vaccinazione o ad uno dei suoi componenti.

Per quanto riguarda la tipologia dei vaccini si ricorda che quelli disponibili in Italia sono tutti equivalenti e che è importante conservarli in frigo (non in freezer) ad una temperatura compresa tra i 2° e gli 8° gradi.

Torna online il forum per genitori e pazienti di fibrosicisticaitalia.it online dall’anno 2000

Dopo un breve periodo di inattività, torna completamente attivo online il forum ad accesso libero dedicato alla condivisione di esperienze e sostegno tra genitori e pazienti impegnati nella quotidiana battaglia contro la fibrosi cistica.

Dall’anno 2000 il forum ha coinvolto centinaia di persone e raccolto oltre 11.000 messaggi, ma sopratutto ha permesso a molti di non sentirsi più soli contro la fibrosi cistica, è nato per questo ed i tanti messaggi ricevuti da persone sconosciute che non avevamo mai letto nel forum ci hanno spinto a tirarci di nuovo su le maniche per riprendere il cammino da dove ci eravamo fermati.

Un grande ringraziamento al nostro grande amico e compagno di viaggio, Alfredo, che con la sua perseveranza e costanza ci permette di sperare ed avere energie per combattere.

Avanti tutta…….

Progetto di ricerca AEROPATH finanziato dalla UE per combattere lo pseudomonas aeruginosa

Un nuovo progetto finanziato dall’UE, AEROPATH, riunisce scienziati provenienti da Regno Unito, Svezia e Germania per sviluppare antibiotici in grado di contrastare i batteri altamente resistenti ai farmaci, i “superbatteri” che affliggono gli ospedali. Il progetto ha ricevuto 4,6 Mio EUR nell’ambito del Settimo programma quadro (7° PQ) dell’UE ed è coordinato dall’Università di Dundee, nel Regno Unito.

Le infezioni multi farmaco resistenti costituiscono un serio rischio per la salute pubblica e sono particolarmente pericolose per le persone ustionate o che soffrono di fibrosi cistica e per i pazienti il cui sistema immunitario è indebolito (per esempio in seguito a trattamenti di chemioterapia o AIDS). Il progetto AEROPATH si concentra sulla Pseudomonas aeroginosa, un patogeno opportunistico che costituisce una significativa percentuale delle infezioni contratte in ospedale ed ha un tasso di mortalità di circa il 50% in questo gruppo di pazienti vulnerabili.

La P. aeroginosa è conosciuta per la sua abilità di sfruttare qualunque debolezza del suo ospite; raramente infetta tessuti sani ma può infettare qualsiasi tessuto compromesso in qualche modo. Tra le altre cose, può causare infezioni dell’apparato urinario, infezioni dell’apparato respiratorio, infezioni gastrointestinali e diversi tipi di infezioni sistemiche. La P. aeroginosa è in grado di svilupparsi negli ospedali grazie alle sue esigenze veramente minime: cresce in semplice acqua distillata, tollera un ampio ventaglio di temperature e non è infastidita da grandi concentrazioni di sale, antisettici blandi e antibiotici. Spesso entra negli ospedali attraverso frutta, piante e verdure.

Alcuni antibiotici hanno una qualche efficacia su questo superbatterio (sono stati usati fluoroquinolone, gentamicina e imipenem), ma solo contro una piccola parte di ceppi batterici. Trattare malati di fibrosi cistica con antibiotici è particolarmente inutile, di solito il risultato è infatti un’infezione da Pseudomonas di un ceppo tanto resistente da essere completamente incurabile.

L’obiettivo principale del progetto è quello di sviluppare nuovi composti che possano essere usati per eliminare la P. aeroginosa e, si spera, altre specie resistenti. Il professor Bill Hunter dell’università di Dundee, nel Regno Unito, ha spiegato: “Queste specie batteriche sono altamente resistenti alla maggior parte dei farmaci attualmente disponibili. Tramite questo progetto stiamo cercando composti chimici che possano costituire un fondamento per lo sviluppo di futuri antibiotici per combattere questi pericolosi batteri.”

I partner del progetto sono l’Università di Dundee e l’Università di St Andrews, nel Regno Unito, il Karolinska Institute, in Svezia, e due società biotecnologiche con sede in Germania. I partner del progetto studieranno i dati del genoma della P. aeroginosa e due specie resistenti simili (Stenotrophomonas e Acinetobacter). Usando modelli elaborati al computer e tecniche avanzate di imaging (imaging con diffrazione a cristallo singolo), costruiranno modelli tridimensionali delle proteine essenziali per la sopravvivenza del batterio. Queste strutture potranno essere usate per determinare come certi composti chimici si possono legare a queste proteine, distruggerle e infine distruggere i batteri.

Poiché l’habitat naturale della P. aeroginosa è la terra (che ospita anche bacilli, actinomiceti e muffe), essa è ben adattata agli antibiotici comuni. La sua membrana esterna “gram-negativa” la rende relativamente impermeabile e essa colonizza le superfici come una specie di biofilm (come una comunità saldamente ancorata), il che la rende ancora più resistente agli antibiotici. Può inoltre trasferire abbastanza facilmente i suoi geni di “resistenza agli antibiotici” ad altri batteri (nell’ambito della stessa specie) e, secondo il professor Gunter Schneider del Karolinska Institute, potrebbe anche essere in grado di trasferire questi geni ad altre specie. L’obiettivo del progetto è quello di fermare il batterio prima che possa spargere il danno.

Il professor Mike Ferguson dell’Università di Dundee ha detto: “Questo programma riunisce una potente coalizione di scienziati con lo scopo di ricercare nuove medicine contro i batteri gram-negativi, tra i batteri più difficili da trattare clinicamente. È un grande esempio di scienza interdisciplinare, che applica la chimica, la biologia, la biofisica e i metodi computazionali ad un problema medico specifico.”

Il professor Hunter ha aggiunto: “Non vediamo l’ora di affrontare la sfida e siamo determinati a portare avanti la nostra ricerca per fare significativi passi avanti in quest’area importante ma trascurata.”

Ferma il virus – web interattivo del Ministero della Salute

Un sito dedicato alla conoscenza del virus influenzale A/H1N1 del Ministero del lavoro della Salute e delle Politiche Sociali www.fermailvirus.it.

Informazioni possono essere chieste anche al numero 1500 (attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle 18).

Dalla home page del sito “Nel sito potrai trovare servizi, quiz, test e giochi interattivi per adulti, giovani, genitori e non, utili a prevenire il contagio, valutare te stesso ed aiutarci a diffondere la Campagna on line. Grazie per ciò che potrai fare. Più che mai, il Servizio Sanitario Nazionale in questo momento ha bisogno anche di te!”

Boston University Medical Center – Ulteriori trattamenti per le malattie polmonari

Boston) Un gruppo di ricercatori della University’s Center di Boston per la medicina rigenerativa e il Centro di Pneumologia hanno generato 100 nuove linee di cellule staminali umane pluripotenti indotte (IPSC) provenienti da individui con malattie polmonari, tra cui la fibrosi cistica e l’enfisema. Le nuove linee di cellule staminali potrebbero portare a nuovi trattamenti per queste malattie debilitanti. I risultati, apparsi in questo studio sulle cellule staminali appartengono ad una prima fase di studio condotta in laboratorio relativi a  queste specifiche patologie come la Fibrosi Cistica e l’enfisema polmonare

iPSCs sono derivati dalla riprogrammazione delle cellule adulte ad uno stato primitivo di cellule staminali. Questo processo determina la creazione di cellule che sono simili alle cellule staminali embrionali in termini di capacità nel differenziarsi in diversi tipi di cellule, comprese le cellule endoderma che possono dare origine a tessuti del fegato e del polmone.

“IPSCs può risolvere molti ostacoli principali che attualmente incidono sulla ricerca su cellule staminali”, ha detto Darrell Kotton, autore principale dello studio e professore associato di medicina e patologia e medicina di laboratorio alla Boston University School of Medicine (BUSM). iPSCs non necessitano di embrioni e il processo utilizzato per coltivare iPSCs è più facile rispetto alle tecniche generalmente utilizzate per ottenere cellule staminali embrionali. iPSCs sono geneticamente identiche alle cellule del paziente e, potenzialmente, possono essere trapiantate <b>senza rigetto<b/>.

“In laboratorio, queste cellule presentano la capacità di moltiplicarsi all’infinito in modo che i ricercatori possano avere più tempo per studiare la cellula malata e correggere i suoi geni”, ha detto Kotton.

Lo studio ha coinvolto pazienti con differenti forme di malattia polmonare – <b>fibrosi cistica<b/>, deficit riscontrato dall’alfa-1 antitripsina , sclerodermia (SSc) e anemia falciforme. I pazienti sono stati sottoposti a biopsie della pelle e campioni di tessuti donati, che il gruppo di ricerca ha utilizzato per coltivare cellule staminali adulte. Utilizzando un vettore, la Boston University ha brevettato nella forma di un virus, chiamato Stem Cell Cassette (STEMCCA), i ricercatori sono riusciti a riprogrammare le cellule della pelle in cellule primitive staminali pluripotenti conosciute come iPSCs.

“Il vettore STEMCCA si sta rivelando prezioso per la riprogrammazione delle cellule provenienti da una varietà di specie, e questo è il primo rapporto della versione ‘umanizzata’ del nostro vettore per l’uso in riprogrammazione delle cellule umane”, ha detto Gustavo Mostoslavsky, un co-autore dello studio e assistente professore di medicina presso BUSM. Insieme Kotton Mostoslavsky e co-diretto la Boston University nuovo Centro di Medicina Rigenerativa (CREM).

Per testare la potenza di differenziazione dei iPSCs, la squadra ha dimostrato che le cellule staminali si moltiplicano e possono essere differenziate in tessuto endoderma, (cellule precursori naturale del polmone quale principale organo distrutto dalla fibrosi cistica e dall’enfisema pomonare.

“Speriamo di costruire una banca di cellule staminali che potrebbero essere utilizzati per contribuire a trattare le due forme più comuni di malattia polmonare ereditaria, la fibrosi cistica ed il deficit da alfa-1 antitripsina “, ha detto Kotton.

Il prossimo passo, sarà quello di correggere le mutazioni genetiche responsabili di fibrosi cistica, enfisema e altre malattie polmonari.

E’ stata aggiornata la versione del sito L’Europa per i pazienti

E’ stata aggiornata la versione del sito “L’Europa per i pazienti”, arricchita di nuovi look e contenuti. Il sito, dedicato alla campagna “L’Europa per i pazienti” lanciata nel 2008 raccoglie informazioni aggiornate sulle iniziative promosse, nonché documenti, articoli ed eventi di carattere sia nazionale che europeo.

L’obiettivo della Direzione generale Salute e consumatori della Commissione europea è di offrire agli utenti uno strumento di informazione multilingue, contenente fatti e notizie aggiornati, eventi, comunicati stampa e video inerenti alla campagna di sensibilizzazione sull’importanza della politica di salute per i cittadini europei.